Recensione

Romanzo molto interessante per il lavoro di introspezione psicologica sui protagonisti. Mi è piaciuto molto il fatto che il libro sia strutturato come una sorta di diario, scritto di volta in volta da un diverso personaggio, in modo da consentire al lettore di entrare nella testa di ognuno scoprendone ambizioni, emozioni, paure, aspettative e vissuto.

Non ho messo le 5 stelline perchè ci sono due cose che mi hanno disturbata.

Prima di tutto la visione della donna che traspare in tutto il romanzo. Praticamente solo un oggetto sessuale! Anche la confessione di Timothy viene considerata semplicemente come un peccato veniale, mentre è una cosa da far accapponare la pelle! E non dico altro per non spoilerare.

L'altro aspetto carente del romanzo è il finale. Mi è sembrato molto politically correct. Le minoranze vincono, mentre gli altri soccombono.


foto di Robert Silverberg

Robert Silverberg

Robert Silverberg (Brooklyn, New York, 15 gennaio 1935) è un prolifico autore di fantascienza, ripetutamente vincitore, tra gli altri riconoscimenti, dei premi Hugo e Nebula. Silverberg fu sin dall'infanzia un vorace lettore e cominciò a scrivere per riviste fantascientifiche dall'adolescenza. Studiò alla Columbia University, continuando a scrivere fantascienza. Il primo romanzo pubblicato, nel 1955, fu un libro per ragazzi chiamato (in lingua originale) Revolt on Alpha C. L'anno seguente vinse il suo primo premio Hugo, in qualità di "migliore scrittore esordiente" e facendosi così conoscere come una delle giovani promesse della letteratura fantascientifica. Per sua ammissione nei quattro anni successivi scrisse un milione di parole all'anno per il mercato fantascientifico. Nel 1959 quello stesso mercato crollò e Silverberg si riciclò in altri campi dai racconti storici alla pornografia soft. Nella metà degli sessanta gli scrittori di fantascienza cominciarono ad avere ambizioni letterarie maggiori. Frederik Pohl, editore di tre riviste fantascientifiche, offrì carta bianca a Silverberg, purché avesse scritto per lui. Così l'autore tornò alla fantascienza, approfondendo lo studio del suo primo amore letterario.

Altri libri di Robert Silverberg

Il libro dei teschi


Robert Silverberg
Fazi, 1972

copertina di Il libro dei teschi

Scheda del libro

Generi