Sono sempre i migliori ad andarsene

La storia inizia piuttosto lentamente, presentando una carrellata di personaggi fra i quali ci si orienta un po' a fatica. Sarebbe stato utile un elenco dei protagonisti e delle varie parentele per agevolare la lettura.

Solo verso metà libro la trama diventa più interessante scoperchiando un vaso di Pandora dal quale fuoriescono tutta una serie di opportunismi, viltà, ripicche, crudeltà e intolleranze che rendono odiosi quasi tutti i personaggi. L'unico che ne esce bene è proprio Barry, il consigliere morto fin dall'inizio del libro. D'altra parte si sa che sono sempre i migliori che se ne vanno...

copertina di Il seggio vacante

Scheda del libro

Generi