Che forza di volontà!

Si tratta di un'autobiografia di un ballerino cinese che racconta la sua vita dalla nascita alla fama internazionale.

Il mondo della danza è già molto ferreo di per sè, si può solo immaginare cosa voglia dire affrontarlo in una realtà come la Cina di Mao. Gli esercizi assurdi a cui vengono sottoposti questi bambini appena selezionati e che non hanno mai praticato danza in vita loro mi hanno lasciata stupefatta e mi sono detta che è un miracolo se non hanno provocato danni fisici permanenti.

Assurdo anche il modo in cui questi ragazzini venivano istruiti. Praticamente la scuola serviva solo alla propaganda, non certo all'istruzione in senso più ampio.

Per noi occidentali sembra incredibile che si possa vivere una vita in cui non hai nemmeno il diritto di sposarti con chi desideri o di spostarti all'estero senza chiedere il permesso allo Stato.

Comunque un buon libro, interessante soprattutto per conoscere la realtà cinese di quegli anni, consigliato!

copertina di L'ultimo ballerino di mao

Scheda del libro

Generi